F O R M A | News - Frida Escobedo progetterà il Serpentine Pavilion 2018
La giovane Frida Escobedo sarà la seconda donna dopo Zaha Hadid a progettare il padiglione estivo della Serpentine Gallery. Con riferimenti al tempo che scorre, forme della tradizione messicana e materiali inglesi, gli occhi dei critici anche quest’anno saranno puntati su Hyde Park. Apertura il 15 giugno.
architettura, architetto, regno unito, serpentine, pavilion, frida escobedo, news
1421
post-template-default,single,single-post,postid-1421,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

News – Frida Escobedo progetterà il Serpentine Pavilion 2018

La giovane Frida Escobedo sarà la seconda donna dopo Zaha Hadid a progettare il padiglione estivo della Serpentine Gallery. Con riferimenti al tempo che scorre, forme della tradizione messicana e materiali inglesi, gli occhi dei critici anche quest’anno saranno puntati su Hyde Park.

Diciotto anni dopo il primo padiglione temporaneo firmato Hadid, finalmente un’altra donna avrà il delicato compito di stupire il pubblico internazionale che ogni estate si incontra a Londra per dare il via alla stagione mondana dell’architettura. Apertura il 15 giugno.

Oltre a diventare centro artistico stagionale e meta di tante passeggiate domenicali, il padiglione ospiterà convegni, performance e concerti fino alla sua chiusura il 7 ottobre. Il fattore comune di questi eventi sarà l’esplorazione dei concetti di tempo e movimento, temi chiave del manufatto concepito dalla Escobedo.

Title image: Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0) Columbia GSAPP – Above: Serpentine Pavilion 2018 Designed by Frida Escobedo, Taller de Arquitectura, Design Rendering, Interior View © Frida Escobedo, Taller de Arquitectura, Renderings by Atmósfera

È difficile anticipare come queste suggestioni verranno declinate spazialmente, ma dalle prime foto si intuisce che il padiglione si reggerà su un delicato contrappunto di geometrie squadrate e liquidità, solidità e leggerezza. L’obiettivo dichiarato dall’architetto messicano è “trasformare l’edificio in un orologio che traccia lo scorrere dei giorni”.

Frida Escobedo, Photography: Cuauhtemoc García

Frida Escobedo, classe 1979, è basata a Città del Messico, ha progettato importanti edifici pubblici nel suo paese natale ed è specializzata in interventi di riqualificazione urbana. I suoi lavori sono stati esposti in due edizioni della Biennale di Venezia, alla Triennale di Architettura di Lisbona e in numeroso mostre e gallerie statunitensi.

Frida Escobedo, El Eco Pavilion, 2010, Mexico City, Photography: Rafael Gamo

Oltre al Pavilion, grande attesa quest’estate anche per “The Mastaba”, l’installazione galleggiante di Christo che sarà ancorata nel Serpentine Lake, a due passi da Kensington Palace.

La struttura trapezoidale sarà costruita con barili di petrolio rossi, blu e viola e verrà inaugurata il 20 giugno in occasione di una nuova mostra dedicata a Christo e Jeanne-Claude.

Per gli appassionati dell’artista di origini bulgare e i nerd dell’architettura, tutti i disegni del progetto sono pubblicati e scaricabili dal sito del dipartimento di Planning di Westminster. Enjoy.

Christo, The Mastaba, Public Domain (Westminster Council Planning Application Ref.17/09573/FULL)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo e iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le novità di FORMA direttamente nella tua mail.

Tags:


YOU MIGHT BE INTERESTED ALSO